Home

  

 facebook

twitter

  

Agenda

Ultimi documenti segreterie regionali

Share

  • Incontro Amministratore Delegato  - Poste Italiane 27 aprile 2016

  • NON E' PIU' TEMPO DI NASCONDERSI

  • Mobilità 2016-2017

  • Video Spot Ora si fa sul serio

Mobilità 2016-2017

Share


mobilita2016

LA UILPOSTE NON HA CONDIVISO L’ACCORDO “SULL’IMMOBILITA”

 

Nella giornata di ieri si è conclusa la trattativa sulla mobilità nazionale per rinnovare l’Accordo scaduto l’anno scorso. La Uilposte non ha firmato l’intesa. Dello stesso avviso anche l’Ugl che a sua volta non ha sottoscritto l’accordo.

Infatti, nonostante i nostri reiterati tentativi di dare una nuova impostazione alla mobilità nazionale per renderla più efficace ed esigibile, l’Azienda ha voluto mantenere sic simpliciter il vecchio testo. Unica novità inserita è l’allargamento alla stregua dell’art. 41 ai genitori con figli affetti da gravi malattie (DM 329/99) con invalidità almeno dell’85%.

Tale positiva novità non ci trova assolutamente contrari, anzi. Tuttavia rappresenta una goccia nel mare in quanto siamo costretti a registrare che l’accordo di mobilità si è trasformato negli ultimi anni in un perfetto accordo di “immobilità” riducendo le assenze per malattie dei lavoratori (al lavoro anche con la febbre) ma frustrando le loro legittime aspettative di trasferimento, anche se primi in graduatoria. Tutto ciò a causa della mancata disponibilità aziendale a livello territoriale a rilasciare le risorse utilmente collocate in graduatoria, bloccando di fatto lo scorrimento delle stesse. I movimenti effettuati sono stati per il 2014 = 80 e per il 2015 = 144 a fronte di rispettivamente 5366 e 5359 domande. Tra l’1,5 e il 2,5%. Una vergogna!!!!!

La Uilposte chiedeva di inserire nel testo del nuovo accordo, per dare un segnale di cambiamento, una disponibilità aziendale ad attivare i trasferimenti, ove possibile, almeno per i primi in graduatoria. L’Azienda ha opposto un netto rifiuto. Quindi sono rimaste inalterate le penalizzazioni da legge 104, la discrezionalità sui livelli B, il rinvio ad momento successivo (come già fatto negli accordi precedenti) della riduzione delle graduatorie per centinaia di profili professionali (spesso ingiustificate) e le tantissime complicazioni organizzative, che, al solito, impediranno le movimentazioni, che verranno poi pilotate magari attraverso mirati job-posting. Su tutte queste problematiche eravamo determinati ad incidere per modificarle significativamente. In mancanza di tale risultato, sinceramente non ce la siamo sentita di dare la nostra disponibilità, per la terza volta consecutiva, ad una “fabbrica di delusioni” che illude i lavoratori, ingannandoli sulle loro legittime aspettative.

Roma, 13/04/2016

 

                                                   La Sruttura Nazionale

Documentazione allegata

Read More »

Previous
Succ.

 

 

Logo UIL                    formazioneuilposte

 

 

generic imitrex imitrex neurontin online pharmacy accutane online prices cheap clomiphene online generic form of doxycycline effexor xr order online buy prednisone overnight delivery buy amoxicillin oral suspension buy zithromax online generic for celebrex when available buy cheap dapoxetine online buy retin a micro gel no prescription generic proscar drug buy tramadol hcl order nexium samples buy zovirax online in uk buy ventolin 4mg online pharmacy boots order cymbalta online no prescription in us buy propecia online no prescription common antibiotics generic names order acyclovir ointment buy nolvadex arimidex xenical online order australia ciprofloxacin 500mg no prescription buy lasix 100 mg buy topiramate without buy priligy online nz generic lipitor less effective buy zithromax z-pak no prescription